Info ?! Info !

Un’ultima cosa mi resta da aggiustare per arrivare a mettere a posto tutti i conti e poter decidere di lasciare questo cyberpianeta senza rimorsi: completare la pagina delle info, cosa che non ho mai fatto e che più di qualcuno mi ha fatto notare nel tempo.
Per descrivermi userò Holden Caulfield visto che io non so parlare molto di me stesso (altrimenti l’avrei fatto da solo a suo tempo, mi pare ovvio). Anzi, lascerò parlare il protagonista del ‘Giovane Holden’ direttamente in prima persona, lo noterete da voi per via di alcune tra le sue più tipiche espressioni. Qualche cosa su di me ve la dirà lui, a modo suo, se saprete leggere tra le righe.

“Che tipo era il vecchio Davide? Non era una persona così schifa a dirla tutta. Sapete quello che voglio dire, con quella sua aria da sbruffoncello schivo e tutto il resto non era uno che vi andava subito a genio lì per lì. Però poi parlavate un pò con lui, scoprivate qualcosa della sua storia, delle sue vicende familiari, delle sue ragazze eccetera eccetera ed era una roba da restarci secchi. Lo giuro. Così alla fine della fiera saltava fuori che non era esattamente un santo o vattelapesca, ma di certo era un buon diavolo. Uno di quelli che magari se sapeva che avevate una cotta per una ragazza che non conoscevate era capacissimo di prendervi per un braccio così dal nulla, portarvi davanti a lei e annunciarle con tutti i crismi che voi eravate un suo vecchio carissimo amico d’infanzia eccetera eccetera. Ecco che tipo era il vecchio Davide.”

34 thoughts on “Info ?! Info !

    • non ricordavo nemmeno di averla lasciata così di default.Prometto che prossimamente ci metto qualcosa, devo solo capire cosa posso dire di me senza spaventare o turbare i miei carissimi lettori

      • dici?? Allora pubblico tutti i contatti, numero civico di casa, IBAN, fotocopia dell’ultimo 730 e l’aggiornamento gps di tutti i miei spostamenti :) no comunque adesso che sono abbastanza convinto di questa cosa del blog è giusto che dica qualcosina in più. Non troppo, purtroppo la mia vita vera tende a costringermi a un pò di sano anonimato

      • Non ricordavo tale ripetizione di quell’aggettivo, che forse uso poco e che mi capita di rado di leggere. Pensavo che fosse un errore, forse voluto, e t’ho scritto senza cercare nuovamente l’incipit in internet.
        Non è un bell’aggettivo.

  1. Oh, mi hai fatto tornare in mente la frase conclusiva del libro, che mi aveva molto colpito “So soltanto che sento un po’ la mancanza di tutti quelli di cui ho parlato [..] Non raccontate mai niente a nessuno. Se lo fate, finisce che sentite la mancanza di tutti”.
    Ti seguirò! :)
    ciau,
    Ilaria

    • Adoro la chiusa del libro, ho sempre pensato mi rappresentasse molto fin da quando l’ho letto (costretto) come compito per l’estate. E anno dopo anno si è rafforzata quella convinzione.
      Grazie per avermi lasciato questo commento :) E appena posso prenderò qualche minuto per leggere con la dovuta calma del tuo blog, è una promessa,

      Davide

  2. Pingback: Agostunno | L'apposita cappelliera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...