Il richiamo del sole

Sarà per il fatto di vivere in una zona che non ha esattamente l’esposizione solare della Costa d’Avorio (però non immaginatevi nemmeno un ambiente come la location di “30 giorni di buio”, esageravo solo un pò la cosa), ma quando arriva il periodo dell’anno in cui iniziano ad esserci delle belle giornate come queste, terse ma non ancora afose, a me succede sempre la stessa cosa: in testa parte a suonare “Sweet home Alabama” dei Lynyrd Skynyrd e ciao. Il cervello mi si annebbia come l’atmosfera di un coffee shop di Amsterdam e da quel momento in poi vedo solo la proiezione del mio film. Io a bordo di una decapottabile, rossa, perchè chi cresce con Hazzard non può non desiderare di possedere prima o poi nella vita il Generale Lee. Però io la voglio decapottabile, visto che devo godermi il sole che mi scalda le ossa. Quindi? Quindi opto per una Ford Mustang 365, che tanto il sogno è il mio e nel sogno non devo pagare il super bollo o pensare al fatto che sia un auto che beve più di me al bar. 
La macchina delle star di hollywood degli anni ’60 ce l’abbiamo. Il pieno è già fatto, qualcuno ha addirittura spolverato i tappetini.

Destinazione? Non c’è destinazione precisa. Si punta verso sud, però. Arriveremo fino alla costa e poi al mare, questo è certo. Se per farlo costeggiassimo un fiume che riporti alla mente il lento e maestoso Missisipi del mio scenario sognato tanto meglio.

Ora devo scegliere i compagni di viaggio. I posti sono quattro, e i due dietro sono abbastanza scomodi e stretti. Queste auto sono così d’altronde. La bellezza procede di pari passo con qualche sacrificio. Se prendevamo una Fiat Multipla a destinazione ci saremmo arrivati comodi, dopo aver schiacciato un pisolino (pilota escluso) e con i capelli perfettamente a posto. E invece giù la capotte, occhiali da sole e aria in faccia. Però tutti ridono di gusto, quindi apprezzano.

Chi mi porto dietro, allora? I volti non sono chiari nella mia fantasia, ma c’è perfetta par condicio. Due uomini e due donne. A quanto pare le quote rosa sono state imposte dal mio subconscio. Sul sedile posteriore stanno un lui e una lei. Sì, sono miei vecchi amici perchè di tanto in tanto fanno battute sul mio contro per prendermi in giro e io non mi arrabbio affatto.

Alla mia destra, sul sedile anteriore del passeggero, c’è una testa piena di capelli lunghi. Non saprei distinguerne il colore, perchè ogni volta che mi volto nella sua direzione lei ride e io mi blocco a guardarle le labbra e i denti bianchi che mi stanno riflettendo i raggi del sole sugli occhiali.

Forse mi sono perso e per sicurezza accosto l’auto presso una piazzola di sosta. La mia co-pilota estrae una cartina stradale dal vano porta oggetti e la passa ai due seduti dietro perchè la consultino in fretta. Non abbiamo il gps nello smartphone? Nel mio sogno si fanno le cose alla vecchia maniera: solamente cartine stradali e chilometri di nastro d’asfalto da percorrere.

Ora sappiamo dove andare. Riavvio l’auto e la co-pilota si allunga su di me per darmi un bacio. Semplice semplice, sulle labbra. Adesso sorrido pure io. Il mare è ancora distante e ne siamo tutti felici, significa che l’avventura è ancora lontana dal concludersi.

In radio passa proprio lei, la canzone perfetta per una giornata perfetta. Alzo la manopola del volume, c’è un fremito gioioso che scorre fra tutti i passeggeri e iniziamo a canticchiare il nostro inno.

“Big wheels keep on turning…”

Soundtrack: Sweet home Alabama-Lynyrd skynyrd

Annunci

6 thoughts on “Il richiamo del sole

  1. La cartina non teme confronti: non c’è gps che tenga. L’asfalto rovente e le decappottabili non vanno d’accordo con i cellulari surriscaldati che ti dicono dove devi andare. Bel sogno, mi piace: magari qualche volta ci si incontra su qualche strada verso Sud :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...